ALTA BADIA – Un nuovo flow trail per mountain bike in zona Pralongià

L’Alta Badia conferma la sua vocazione per la bicicletta, sia essa da strada o mountain bike. Vi abbiamo parlato della Sellaronda Bike Day (che sarà replicato il 17 settembre) e del Dolomites Bike Day che hanno animato il mese di giugno con due giornate con le strade “riservate” ai ciclisti. Il 3 luglio sarà poi la volta della ormai classicissima Maratona delle Dolomiti ma nel frattempo in quota e nei parchi Movimënt si pedala ogni giorno sulla fitta rete di trail e grazie (non necessariamente) agli impianti che portano in quota anche le due ruote.

Una delle novità dell’estate 2022, a tal proposito, si trova in zona Pralongià e si chiama Fle (che in ladino significa respiro profondo), trail lungo 1.120 metri, di difficoltà medio-semplice su cui si può pedalare buttando un occhio sulla Marmolada e sul gruppo del Sella.

Si tratta di uno dei Bike Beats (tracciati flow) che partono dalla cima del Piz Sorega tra cui il più difficile chiamato, Cör (cuore) o Avëna (vene), di difficoltà media. Dallo stesso puntano partono i trail Mans (mani), che arriva fino a San Cassiano. Sempre al Piz Soregasi trova anche un pumptrack per scaldarsi prima dei giri più “seri”.

Luglio è infine anche il mese della Rookies Cup: il 16  luglio biker Under 19  provenienti da vari paesi si sfideranno sulla pista rossa Cör,. Il 17 spazio poi ai bambini over 5. 

SEGUICI SU INSTAGRAM

SEGUI TUTTE LE NEWS SU TELEGRAM

La sfida ai Seven Summits, le 7 cime della Valle dello Stubai

La valle di Stubai in estate è una meta che offre possibilità pressoché infinite agli appassionati di trekking e alpinismo.

Sette sono le cime che circondano Stubai: il Pan di Zucchero (3507 metri), la Cima Libera (3418 metri), l’Habicht (3277 metri), la Rinnenspitze (3003 metri), il Serles (2717 metri) o l’”altare maggiore del Tirolo”, come lo etichettò Goethe, l’Hoher Burgstall (2611 metri) e l’Elfer (2505 metri).

Dalla più tecnica, alla più facile, alla più panoramica, rappresentano una sfida per ogni appassionato di montagna. E vale sicuramente la pena “collezionarle” tutte. Al fine di aiutarsi con le motivazioni è possibile richiedere presso l’ufficio del turismo il “Gipfelpass” che rilascia un riconoscimento e offre una panoramica del tour con le informazioni base. Come sempre il consiglio è, prima di mettersi in cammino, di pianificare bene gli itinerari e di rivolgersi alle locali Guide Alpine per conoscere le reali difficoltà e lo stato dei sentieri e della montagna.

SEGUICI SU INSTAGRAM

SEGUI TUTTE LE NEWS SU TELEGRAM

Domani il Dolomites Bike Days, passi Campolongo, Falzarego e Valparola chiusi al traffico

Appuntamento domani, sabato 25 giugno, con il Dolomites Bike Day. Nell’occasione si potrà pedalare in libertà su alcuni dei passi più affascinanti delle Dolomiti. I Passi Campolongo, Falzarego e Valparola saranno infatti chiusi al traffico e così dovrete pensare solo ai watt e al panorama.

Dalle 8,30 alle 14 un anello di 5i km tra Alta Badia, Arabba e Livinallongo sarà percorso solo dalle biciclette e così tutti gli appassionati, dai principianti, agli amatori più accaniti fino alle vecchie glorie del ciclismo potranno percorrere alcune delle più celebri salite del Giro d’Italia e della Maratona delle Dolomiti.

foto: Alex Moling

SEGUICI SU INSTAGRAM

SEGUI TUTTE LE NEWS SU TELEGRAM

Val di Fassa Running al via il 26 giugno: 5 tappe con arrivo al Buffaure

Scatterà domenica 26 giugno la 22 esima edizione della Val di Fassa Running. La manifestazione torna nel 2022 dopo due anni di stop a causa del Covid riproponendo il programma che negli anni è stato un successo.

Si tratta di una corsa a tappe pe prevede partenza la domenica, arrivo il venerdì e un giorno di pausa (mercoledì) con in tutto uno sviluppo di 62,8 km per 3.188 metri di dislivello.

La prima tappa parte e arriva a Fontanazzo con passaggi a Mazzin e Pera di Fassa (12,9 km per 607 metri di dislivello). La seconda, in programma lunedì 27 ha partenza e arrivo a Vigo di Fassa passando da Vallonga e Tamion (10,7 km e 438 metri di dislivello), quindi Moena con passaggio da Penia, Sorte (13,7 km e 628 metri di dislivello). Dopo lo stop si parte giovedì con la tappa di Soraga dove presso l’omonimo lago sono allestiti partenza e arrivo; il tragitto passa da Punta Vallacia (13,7 km e 585 metri di dislivello). L’ultima tappa è di sola ascesa e da Pozza di Fassa porta fino in cima alla località Buffaure.

E’ ancora possibile iscriversi su www.valdifassarunning.it

Nasce la Gravel Marathon Valle Spluga, appuntamento il 25 settembre 2022

Nasce la Gravel Marathon Valle Spluga che si terrà in Val Chiavenna e Valle Spluga domenica 25 settembre 2022.

Il percorso avrà partenza e arrivo a Chiavenna e coprirà un percorso di 116 km per 3394 meri di dislivello.

L’evento valorizza il territorio della Val Chiavenna e il mondo in grande espansione delle bici gravel che coniugano la pedalata offroad con le geometrie e l’esperienza ciclistica tipica della bici da strada.

“Vogliamo promuovere attraverso lo sport i grandi eventi – ha sottolineato Antonio Rossi, sottosegretario di Regione Lombardia nel corso della presentazione dell’evento – sostenendo anche i comprensori non direttamente interessati dalle gare olimpiche. Dovranno essere le Olimpiadi di tutti i territori; lavoreremo a stretto contatto con il sottosegretario Alan Rizzi che ha la delega per i rapporti internazionali e i consolati presenti sul territorio. Vogliamo far conoscere a tutti, insieme alle revenues legate alle Olimpiadi, anche gli altri territori regionali. Lo faremo con grandi eventi, portando i turisti, gli spettatori a conoscere la Lombardia facendo sport. Ben vengano le gran fondo, le corse in montagna, per chi viene a fare sport sapendo di trovare un’offerta turistica importante. E le nostre località hanno le caratteristiche per soddisfare questa domanda”.

Le iscrizioni alla prima edizione della Valle Spluga Gravel Marathon saranno aperte fino al 1 luglio a questo link (60 euro, maglia tecnica inclusa nel pacco gara).

 

Una cordata da record: 80 donne alla conquista del Breithorn

80 donne in vetta al monte Breithorn (4.165 metri). E’ da record la cordata che ha conquistato la cima del gruppo del Monte Rosa, sul confine tra Italia e Svizzera.

La cordata femminile più lunga del mondo, formata da 80 donne provenienti da 25 Paesi, è partita da Zermatt ed è arrivata in cima il 17 giugno 2022. A organizzare la “spedizione” è stata Svizzera Turismo attraverso il progetto 100% Women che ha il fine di “dare visibilità alle donne negli sport di montagna e ispirare le donne a vivere nuove esperienze.”

10 donne sono state selezionate tramite candidature online e a queste si sono aggiunte giornaliste, attrici e altre candidate scelte da Svizzera Turismo creando una cordata variegata e rappresentativa di varie realtà.

«Anche se noi donne siamo stigmatizzate e dobbiamo lottare contro gli stereotipi e le barriere di genere, vogliamo comunque contribuire in egual misura alla società – ha commentato la scalatrice iraniana Mina Ghorbani –  Questa lotta è più importante nel mio Paese, l’Iran, che in altri Paesi. Iniziative come 100% Women ci permettono di farlo, anche grazie ai collegamenti con le donne scalatrici in Svizzera e nel mondo. Ci dimostrano che abbiamo tutti gli stessi obiettivi».

SEGUICI SU INSTAGRAM

SEGUI TUTTE LE NEWS SU TELEGRAM

Foto: Schweiz Tourismus / Nicole Schafer