Pontedilegno Tonale, tutti gli appuntamenti con il Water Music Festival

E’ tutto pronto nel comprensorio turistico Pontedilegno Tonale per Water Music Festival rassegna musicale che avrà il via il 1 agosto. La particolarità di Water Music Festival è il palco, allestito sul laghetto Valbiolo per sensibilizzare circa l’importanza dell’acqua e delle risorse naturali. Quindi, se in inverno si suona in una grotta di ghiaccio con Ice Music Festival, in estate le note e le attività cuturali si spostano sul lago.

«Vorremmo che anche questo festival estivo fosse uno strumento per portare i nostri ospiti a riflettere sui pericoli connessi con i cambiamenti climatici e con i rischi che essi comportano in termini di riduzione di risorse preziose a partire dall’acqua, elemento cruciale per la vita di tutti noi e per l’economia e le attività delle comunità montane», – ha spiegato Michele Bertolini, direttore del Consorzio Pontedilegno-Tonale .

Il palco, una piattaforma galleggiante, è stata ricoperta con i teli geotessili permettono di ridurre lo scioglimento del ghiacciaio Presena. Un’idea scenografica e simbolica che vuole promuovere la sensibilità ambientale. I teli erano stati utilizzati nelle scorse settimane anche per un’installazione presso la biennale di Venezia.

“Dalla Biennale alla piattaforma del lago di Valbiolo: siamo lieti che i teli del Presena vengano utilizzati in modi così diversi e originali – ha concluso Bertolini – In questo modo diverranno infatti strumenti di comunicazione dei risultati finora raggiunti grazie al progetto avviato 13 anni fa sul ghiacciaio e che ricopre oggi oltre 100mila metri quadri di ghiaccio, preservandolo dallo scioglimento”.

La struttura sarà poi decorata dal collettivo artistico Art of Sool, composto da tre artisti camuni; Neim (Nicola Fedriga), IlClod (Claudio Cretti) e Mark (Marco Cominini), sono specializzati in street art e hanno già collaborato con brand come Adidas, Redbull, Dolce e Gabbana… A partire dal 30 luglio e fino al 29 agosto, tutti potranno camminare – letteralmente – sopra questa opera d’arte  (dalle 10 alle 16).

Il calendario di Water Music Festival 2021

  •  Domenica 1 agosto ore 15.30: IL POSTO DELLE FAVOLE (Bill ed il mistero degli spaventapasseri, favola di Gianni Rodari è portata in scena da Luca Radaelli e 5 orchestrali)
  • Domenica 8 agosto ore 15.30: CONCERTO DI TEO CIAVARELLA
    (Pianista, compositore, direttore d’orchestra, docente al Conservatorio di Bologna”.
  • Domenica 15 agosto ore 15.30: CONCERTO SI FA BAND (orchestra giovanile composta da 30 elementi)
  • Domenica 22 agosto ore 15.30: PIERINO E IL LUPO (Celebre capolavoro di Sergej Prokofiev)
  • Domenica 29 agosto ore 15.30: SPIRABILIA AL CINEMA (Una rassegna di alcune delle più celebri colonne sonore)

La rassegna Water Music Festival propone poi una serie di appuntamenti anche in altre location: a Temù sarà allestita la mostra “open air” che racconta la storia di Ice Music Festival. A Vezza d’Oglio invece, tutte le sere a partire dalle 21 i palazzi attorno a Piazza 4 Luglio 1866 si illumineranno con le proiezioni architetturali dei personaggi della favola “Il mistero dell’acqua perduta”, scritta dai bambini della scuola primaria di Temù. La stessa favola sarà proiettata anche Ponte di Legno, sul lago di Valbione il  7, 8, 12, 13, 16, 17, 20 e 21 agosto, grazie a uno schermo ad acqua che si alzerà dal lago.

SEGUI TUTTE LE NEWS SU TELEGRAM

Yoga in quota sulle Tofane, gli appuntamenti di luglio e agosto 2021

Gli appassionati di yoga devono assolutamente provare l’esperienza unica di farlo con vista dolomiti. Tofana Freccia nel cielo organizza una serie di appuntamenti settimanali per tutta l’estate 2021 (su prenotazione, contattare il 320.5748606).

Si inizia così la giornata con il surya namaskara (ovvero il saluto al sole)  con vista su alcune delle più suggestive vette dolomitiche. Le lezioni di yoga si tengono ogni giovedì sul prato di fronte al Masi Wine Bar al Druscié (ultima data il 16 settembre). Conclusa la lezione vi attenderà anche un goloso brunch.

Il luogo dove si tengono le lezioni di yoga si trova alle pendici della Tofana di Mezzo, facilmente raggiungibile con la cabinovia Tofana-Freccia nel Cielo che dal centro di Cortina porta ai 1778 metri del Col Druscié.

SEGUI TUTTE LE NEWS SU TELEGRAM

Un sito raccoglie i migliori scatti di animali fototrappolati in Trentino

E’ online Trentino Camera Trapping, sito curato dal MUSE e dal Settore Grandi Carnivori della Provincia Autonoma di Trento che riporta alcune scene ritraenti animali “catturati” grazie al foto trappolaggio.

Questa tecnica, che ha letteralmente rivoluzionato gli anni il monitoraggio ambientale, consiste nell’installare fotocamere in punti strategici sulle montagne, come crocevia, fonti d’acqua, etc. che si attivano al passaggio degli animali selvatici.

Alcuni degli scatti più suggestivi, come un orso che fa il bagno in una pozza d’acqua, un cervo che si abbevera in un torrente o addirittura una lince che procede guardinga al limitare del bosco, sono visionabili sul portale di Trentino Camera Trapping.

A raccogliere queste foto e questi video sono una lunga serie di volontari che svolgono un compito essenziale per la conoscenza e la conservazione della fauna alpina nell’ambito di un più ampio progetto che si avvale della supervisione scientifica del Dipartimento di Biologia dell’Università di Firenze.

“A rendere possibile la pubblicazione di Trentino Camera Trapping si aggiunge infine il contributo della Riserva di Biosfera UNESCO ‘Alpi Ledrensi e Judicaria’ che, intuendo il potenziale comunicativo del materiale archiviato, ha scelto di sostenere la sua condivisione nell’ambito del progetto condiviso ACQUAVIVA, coordinato dalla Fondazione Edmund Mach con il supporto del MUSE – si legge in una nota diffusa dal museo trentino – A partire dal primo nucleo di immagini, per lo più ambientato nei dintorni di pozze e piccole raccolte d’acqua della Riserva di Biosfera, in vista della conclusione del progetto, la piattaforma si prepara ad accogliere nuovi materiali provenienti dall’intero territorio provinciale”.

SEGUI TUTTE LE NEWS SU TELEGRAM

RIO PUSTERIA – Abete si schianta contro la funivia Meransen

Attimi di paura sulla funivia che da Rio Pusteria porta a Maranza, in Alto Adige. A causa di un forte temporale un albero si è schiantato contro la cabina della funivia. In quel momento la cabina era occupata da una decina di persone che sono rimaste tutte illese. L’impatto dell’albero sulle funi ha causato il fermo immediato dell’impianto.

Le foto dei Vigili del Fuoco intervenuti sul posto

Le persone nella cabina, così come quelle sul veicolo sul tragitto opposto sono tratte in salvo dall’intervento del soccorso alpino e dei vigili del Fuoco di Maranza.

SEGUI TUTTE LE NEWS SU TELEGRAM

FORMAZZA – Sabato 10 luglio via alla Bettelmatt Ultra Trail

Appuntamento per il prossimo sabato, 10 luglio, con la Bettelmatt Ultra Trail, gara di skyrunning che si corre sulle Alpi Lepontine , in Val Formazza.
Tre i tracciati previsti: la Bettelmatt Trail su una distanza di 57 km per oltre 3000 metri di dislivello, la Bettelmatt Skyrace su una distanza di 37 km per oltre 2500 m di dislivello e infine la Bettelmatt Race su una distanza di 24 km per oltre 950 m di dislivello.

La gara partirà e si concluderà nella piana di Riale a 1731 metri di altezza e toccherà alcuni dei punti più suggestivi della zona, dalle Cascate del Toce, al Passo San Giacomo, all’Alpe Bettelmatt, quindi i laghi alpini Kastel e Morasco e si arriverà fino ai 3000 metri del rifugio 3 A.

Al via ci saranno più di 600 atleti  tra professionisti e amatori provenienti da 11 diversi paesi:  Svizzera, Olanda, Polonia, Svezia, Germania, Spagna, Venezuela, Belgio, Moldavia e Slovenia oltre ovviamente all’Italia.

L’appuntamento, organizzato da Formazza Event è parte del Circuito Salomon Golden Trail National Series e si correrà sotto l’egida F.I.Sky (Federazione Italiana Sky Running).

 

ALTA BADIA – Incontri con l’autore, da Alessandro Milan a Erri de Luca (1-20 agosto)

Tornano quest’estate in Alta Badia Ritornano gli “Incontri con l’autore”,  rassegna letteraria in programma dal 1° al 20 agosto.

Le Dolomiti faranno da cornice a una serie di appuntamenti che si apriranno con Alessandro Milan, avranno in Erri de Luca il culmine e spazieranno tra tanti temi, compresi quelli più leggeri, come nel caso della presentazione di “My Way, zio bricco che ricette!”, il libro di Aquila, simpatico vincitore dell’ultima edizione di Masterchef.

E quest’anno la rassegna letteraria sarà un evento “climate positive”. Grazie alla collabroazione con Etifor, spin-off dell’università di Padova, sarà ridotto al minimo lo spreco valorizzando al contempo le  risorse del territorio e neutralizzando l’impatto ambientale della manifestazione. Un esempio? Per pareggiare le emissioni dovute ai viaggi degli autori saranno protetti 22 alberi presso nella zona del Passo Campolongo, particolarmente danneggiata  dalla tempesta Vaia nell’ottobre 2018.

Calendario “Incontri con l’autore 2021”, Alta Badia

  • Un giorno lo dirò al mondo di Alessandro Milan, domenica 1° agosto alle ore 17.30 presso la sala manifestazioni di Corvara
  • Il cielo stellato fa le fusa di Chiara Francini, martedì 3 agosto alle ore 17.30 presso la sala manifestazioni di La Villa
  • Rinascita americana di Giovanna Pancheri, mercoledì 4 agosto alle ore 17.30 presso la sala manifestazioni di Corvara
  • Figlio del lupo di Romana Petri, domenica 8 agosto alle ore 17.30 presso la sala manifestazioni di La Villa
  • Non perderti niente di Luca Barbarossa, giovedì 12 agosto alle ore 17.30 presso la sala manifestazioni di Corvara
  • Dialogo con Carlo Cottarelli, sabato 14 agosto alle ore 17.30 presso la sala manifestazioni di Corvara
  • A grandezza naturale di Erri De Luca, lunedì 16 agosto alle ore 10.30, a monte della seggiovia La Crusc (evento all’aria aperta)
  • Tempo: il sogno di uccidere Chrònos di Guido Tonelli, martedì 17 agosto alle ore 17.30 presso la sala manifestazioni di Corvara
  • MY WAY: zio Bricco che ricette! di Francesco Aquila, giovedì 19 agosto alle ore 10.30 a monte dell’ovovia Boé
  • Uomini: è ora di giocare senza falli! di Tiziana Ferrario, venerdì 20 agosto alle ore 17.30 presso la sala manifestazioni di Corvara.

SEGUI TUTTE LE NEWS SU TELEGRAM

Climbing Technology acquisita dalla tedesca Skylotec

Carlo Paglioli ha venduto Climbing Technology ai tedeschi di  Skylotec.

Così Aludesign, proprietaria di Climbing Technology, e la rumena Securit, vanno ad accresce il know-how e il controllo sulla supply chain di Skylotec, brand di riferimento a livello mondiale per quanto i dispositivi di protezione individuale.

Aludesign, era stata fondata da Carlo Paglioli nel 1986  a Cisano Bergamasco, e, con Securit, rappresenta un gigante nella produzione di dispositivi di sicurezza (a marchio Climbing Technology) nel settore ricreativo e professionale.

La collaborazione tra le due aziende risale a oltre 25 anni fa con un rapporto di fornitura e continua oggi con questa acquisizione.

“Con l’acquisizione di Aludesign, tutto ciò che abbiamo creato insieme va finalmente a unirsi e a rafforzarsi in una proposta dal grande potenziale –sottolinea Kai Rinklake alla guida di Skylotec – ed è questo il momento ottimale per unire le nostre forze: siamo felici di poter ampliare la nostra gamma di prodotti nel campo dello sport e dell’accesso su corda con il marchio Climbing Technology, così come aumentare il nostro know-how nella produzione di moschettoni”.

Skylotec in questo modo accorcerà notevolmente la supply chain riducendo le forniture che arrivavano dall’estremo oriente e aumentando la sua capacità produttiva in Europa.

“Sono felice di poter consegnare Climbing Technology in buone mani – ha concluso Carlo Paglioli, fondatore di Aludesign – il marchio ha un grande potenziale e sono certo che entrando nella famiglia Skylotec non potrà che crescere”.

 

 

Video: Mclaren in fiamme al Passo Pordoi, il rogo la consuma quasi interamente

Disavventura per un turista svedese che, mentre risaliva il passo Pordoi con al sua auto. L’uomo, a bordo della sua McLaren, ha notato del fumo che fuoriusciva dal cofano motore ed ha fatto in tempo a fermarsi e a mettersi in salvo abbandonando l’auto sulla strada.

SEGUI TUTTE LE NEWS SU TELEGRAM

L’auto ha ben presto iniziato a bruciare e in pochi minuti il rogo ha avvolto completamente la macchina sportiva riducendola in polvere. L’intervento dei Vigili del Fuoco ha poi  spento il rogo

COURMAYEUR – C’è l’idea di una cabinovia per accedere alla Val Ferret

A Courmayeur si ragiona circa la realizzazione di una cabinovia per accedere alla Val Ferret. Se ne è parlato in consiglio Comunale, occasione in cui il sindaco, Roberto Rota, ha spiegato che è stato commissionato uno studio geologico preliminare dal costo di 35.000 euro.

“Il peggior servizio che oggi abbiamo in Valle d’Aosta, come qualità, riguarda l’ingresso in Val Ferret – ha spiegato il primo cittadino di Courmayeur – Pensare di portare le persone con i pullman, vista la strada attuale, è impossibile. Soluzioni alternative di cui si parla da tempo, come una galleria o trenino, costerebbero troppo. L’ovovia è l’unica che potrebbe funzionare, anche in un progetto misto che veda il coinvolgimento dei privati. In questo senso abbiamo avuto i primi incontri informali con gli Uffici regionali per capire se sia una linea perseguibile. Le prime risposte ci danno spazi per questo intervento, ma prima di affidare un eventuale progetto è fondamentale chiarire l’aspetto geologico. L’ovovia risolverebbe tanti aspetti: nel periodo di pericolo valanghe sarebbe chiusa, ma in altri sarebbe un aiuto per la sicurezza della valle, passando alla sinistra orografica della Dora. Se lo studio geologico toglierà delle perplessità e gli Uffici regionali ci continueranno a confortare andremo avanti poi con il progetto tecnico”.

Perplessità, sulla cabinovia e altri argomenti, è stata espressa dall’opposizione:

“Sulla Val Ferret siamo perplessi sull’investimento dei progetti, perché in questa fase non si sanno bene ancora le linee per lo sviluppo della mobilità nelle valli – ha commentato Stefano Miserocchi, Esprit Courmayeur – Su parcheggio e idea ovovia, per noi sarebbe stato prioritario girare tali cifre sui sottoservizi e acquedotti che hanno priorità urgente”.

Secondo quanto riporta “Gazzettamatin”, Miserocchi sarebbe perplesso anche per l’impatto visivo che l’eventuale impianto avrebbe. D’altra parte nei giorni di punta in Val Ferret arrivano anche 4000 turisti, ha spiegato invece il sindaco di Courmayeur, e portarli avanti e indietro con gli autobus ha un impatto ambientale e logistico anche peggiore.

SEGUI TUTTE LE NEWS SU TELEGRAM

PRATO NEVOSO – Arrivano i mercatini di Natale… in piena estate: 9 al 13 luglio

Un po’ di Natale a luglio a Prato Nevoso dove, in piena estate arrivano i mercatini i quota.  Il magico paese di Natale delle terre Unesco di Govone, festeggia i 15 anni di storia spostandosi in quota, ai 2000 metri di Prato Nevoso, su quelle che in inverno sono le celebri piste da sci del comprensorio del cuneese.

Dal 9 al 13 luglio alcuni degli espositori del Magico Paese di Natale allestiranno così le loro bancarelle in casette di legno, proponendo prelibatezze gastronomiche e oggettistica varia. Il mercatino sarà raggiungibile con la cabinovia, a piedi o in ebike.

“Nell’area davanti allo chalet, luogo perfetto per rilassarsi e godersi il panorama mozzafiato verranno allestite casette e angoli di Natale con degustazione di salumi, formaggi abbinati a marmellate, nocciole, vini e tanti altri prodotti del territorio”, spiegano da Prato Nevoso.

E un appuntamento speciale attende i più piccoli: Antea con la sua scuola degli elfi che sarà presente sabato 10 e domenica 11 luglio dalle 10 alle 18.

SEGUI TUTTE LE NEWS SU TELEGRAM