COURMAYEUR – L’estate procede regolarmente, il ghiacciaio Planpincieux è uno dei più monitorati

L’estate di Courmayeur prosegue regolarmente con tutte le attività ricettive e sportive aperte e disponibili per chi ha prenotata una vacanza all’ombra del Monte Bianco.

La recente tragedia della Marmolada ha riportato l’attenzione anche sul Ghiacciaio Planpincieux, in Val Ferret, ghiacciaio da anni monitorato e che in alcune occasioni, a fine stagione, aveva fatto scattare una pre allerta. Proprio la conoscenza di questo ghiacciaio e il costante monitoraggio operato dagli esperti e promosso dal Comune, dalla Regione Valle d’Aosta e da Fondazione Montagna Sicura, sono garanzia di massima attenzione alla sicurezza.

“L’Amministrazione comunale – si legge in una nota – ritiene opportuno e doveroso precisare agli ospiti in arrivo e presenti nella località che le misure preventive di Protezione Civile legate al Ghiacciaio di Planpincieux in Val Ferret sono da diversi anni normale routine in alcuni periodi dell’anno e fanno parte del sistema di Protezione Civile comunale, che prevede azioni definite e puntuali, legate alla viabilità e all’accesso alla Valle Ferret”.

Il ghiacciaio in questione è uno dei più studiati e monitorati in assoluto e le misure di Protezione civile che vengono applicate a Courmayeur interessano solo una piccola parte, di circa 1 km, della Val Ferret. Quando le rilevazioni quotidiane definiscono una situazione rischio e quando questo è alto la strada di accesso alla Val Ferret viene chiusa.

 

COURMAYEUR – Il Green Weekend è il primo grande appuntamento dell’estate, 25 e 26 giugno

L’estate entra nel vivo e a Courmayeur sarà il Green Weekend a inaugurare la bella stagione in quota.

La rassegna, che giugno alla seconda edizione, si terrà il 25 e il 26 giugno e nasce con l’obiettivo di promuovere una visione sostenibile del territorio. In quell’occasione le valli laterali saranno chiuse al traffico veicolare e ci si sposterà solo con la “mobilità dolce”, minimizzando le emissioni e vivendo al meglio il contatto con la natura all’ombra del Monte Bianco.

Così la Val Ferret e la Val Veny saranno chiuse al traffico così saranno le nostre game, le biciclette e le funivie a farci vivere il territorio. In particolare, il 25 giugno in Val Ferret ci saranno tappe gourmet nei vari locali dove gustare le specialità locali, dalla carbonada alla fonduta di Fontina e Bleu d’Aoste. Nelle località Tronchey, Lavachey e Arp Nouva ci saranno invece concerti live. Non mancheranno le attività sportive come quelle proposte dal Club de Sports di Planpincieux o le lezioni gratuite di yoga, le cavalcate sui pony e iniziative legate all’artigianato.

La Val Veny sarà invece protagonista di domenica 26 giugno con vari appuntamenti a base di musica, sport e gastronomia. Si pensi alla zipline o al bouldering oa ancora all’orienteering. Evento clou sarà il concerto della rassegna Musicastelle con Fulminacci che si esibirà a Presto de Pascal. Da non perdere poi gli incontri con gli allevatori e i produttori locali che allestiranno un food market diffuso in cui scoprire le materie prime e le specialità del territorio.

SEGUICI SU INSTAGRAM

SEGUI TUTTE LE NEWS SU TELEGRAM

COURMAYEUR – Outdoor nights, tutti gli appuntamenti per l’estate 2022

A Courmayeur le attività outdoor si svolgono anche in notturna. Una lunga serie di appuntamenti costellerà – in ogni senso – l’estate 2022 e permetterà di scoprire il fascino della montagna quando il sole tramonta e quando le stelle diventano padrone del cielo.

Le Courmayeur Outdoor Nights vanno dalle cene in baita e nei rifugi che si raggiungono sul fare della sera con la lampada frontale, aperitivi in quota con Skyway Monte Bianco e osservazioni delle stelle accompagnati dalle guide dell’Osservatorio Astronomico della Regione Valle d’Aosta. E, ancora, ecco il golf in notturna o le passeggiate nei boschi sotto il Monte Bianco. Non mancano poi le attività dedicate ai bambini, come la carrucola sull’orrido in notturna al Parco Avventura Mont Blanc accessibile per tutto agosto dalle 21 alle 22.30.

COURMAYEUR – A ottobre torna Arrancabirra, la gara goliardica ai piedi del Monte Bianco

Torna l’8 ottobre 2022, dopo due anni di stop causati dalla pandemia, l’Arrancabirra. La gara goliardica di VDA Trailers, giunge quest’anno alla 15 esima edizione e si svolgerà a Courmayeur, nello spettacolare scenario dominato dal Monte Bianco.

Le iscrizioni saranno aperte dal 1° giugno sul sito www.100x100trail.com e a disposizione ci saranno 1300 posti. Si partecipa alla gara con vestiti a tema e sono previste tappe in punti di ristoro sul percorso a base di birra, preludio alla grande festa finale. Sono benvenuti i runners seri, ma anche quelli un po’ meno, visto lo spirito della manifestazione.

Il percorso classico da 18 km prevede partenza dal Municipio di Courmayeur, salita a La Suche, Curru, e Tête de la Tronche, per poi arrivare al Parco Bollino, sempre nel territorio di Courmayeur. Il tempo massimo per completare il percorso è fissato in 8 ore.

SEGUICI SU INSTAGRAM

SEGUI TUTTE LE NEWS SU TELEGRAM

Ultra Trail Mont Blanc, ora con una nuova Experience per tutti

Nasce l’Experience Trail Courmayeur, una nuova competizione per (quasi) tutti che andrà ad arricchire il calendario di eventi dell‘UTMB (Ultra Trail Mont Blanc).

La ETC sarà la gara più accessibile tra quelle in programma, si aper quanto riguarda le difficoltà che la lunghezza  per lunghezza e difficoltà, e si adatta a u maggior numero di sportivi, compresi quelli che vogliono approcciarsi al trail running.

La gara si correrà lungo un percorso di 15 km con un dislivello positivo di 1.300 metri. Da Courmayeur si sale verso gli alpeggi di Tirecorne e La Suche, quindi si attraversa un bosco di abeti e larici fino a dirigersi verso il traguardo. Il tempo massimo per tagliare il traguardo sarà di 4 ore.

La Experience Trail Courmayeur è quindi la quarta corsa in programma nella settimana dell’ UTMB Mont-Blanc. Si inizia a mezzanotte di martedì 23 agosto, con la TDS (sur les Traces des Ducs de Savoie), quindi alle 11 di mattina  la YCC, per i giovanissimi, quindi la ETC alle 14.  Per venerdì 26 agosto è invece prevista la CCC (Courmayeur-Champex-Chamonix).

La UTMB, la grande endurance si svolge tra il 22 e il 28 agosto e passa da Courmayeur nel suo itinerario da 171 km che passa anche per Francia e Svizzera

SEGUICI SU INSTAGRAM

SEGUI TUTTE LE NEWS SU TELEGRAM

Salvi i 3 alpinisti che hanno passato la notte sul Monte Bianco

Sono fortunatamente salvi i tre alpinisti che hanno passato la notte sul Monte Bianco, a 4700 metri di quota. I tre, bloccati sulla dell’Innominata, sono infatti riusciti a raggiungere il bivacco Vallot, sul versante francese del Monte Bianco, attorno alle 4 di mattina. I tre alpinisti di origini finlandesi avevano dato l’allarme, uno di loro era anche in ipotermia, ma l’elicottero non poteva alzarsi a causa del maltempo. Il percorso per arrivare al bivacco è stato indicato da Soccorso Alpino Valdostano (Sav).

 

COURMAYEUR – C’è l’idea di una cabinovia per accedere alla Val Ferret

A Courmayeur si ragiona circa la realizzazione di una cabinovia per accedere alla Val Ferret. Se ne è parlato in consiglio Comunale, occasione in cui il sindaco, Roberto Rota, ha spiegato che è stato commissionato uno studio geologico preliminare dal costo di 35.000 euro.

“Il peggior servizio che oggi abbiamo in Valle d’Aosta, come qualità, riguarda l’ingresso in Val Ferret – ha spiegato il primo cittadino di Courmayeur – Pensare di portare le persone con i pullman, vista la strada attuale, è impossibile. Soluzioni alternative di cui si parla da tempo, come una galleria o trenino, costerebbero troppo. L’ovovia è l’unica che potrebbe funzionare, anche in un progetto misto che veda il coinvolgimento dei privati. In questo senso abbiamo avuto i primi incontri informali con gli Uffici regionali per capire se sia una linea perseguibile. Le prime risposte ci danno spazi per questo intervento, ma prima di affidare un eventuale progetto è fondamentale chiarire l’aspetto geologico. L’ovovia risolverebbe tanti aspetti: nel periodo di pericolo valanghe sarebbe chiusa, ma in altri sarebbe un aiuto per la sicurezza della valle, passando alla sinistra orografica della Dora. Se lo studio geologico toglierà delle perplessità e gli Uffici regionali ci continueranno a confortare andremo avanti poi con il progetto tecnico”.

Perplessità, sulla cabinovia e altri argomenti, è stata espressa dall’opposizione:

“Sulla Val Ferret siamo perplessi sull’investimento dei progetti, perché in questa fase non si sanno bene ancora le linee per lo sviluppo della mobilità nelle valli – ha commentato Stefano Miserocchi, Esprit Courmayeur – Su parcheggio e idea ovovia, per noi sarebbe stato prioritario girare tali cifre sui sottoservizi e acquedotti che hanno priorità urgente”.

Secondo quanto riporta “Gazzettamatin”, Miserocchi sarebbe perplesso anche per l’impatto visivo che l’eventuale impianto avrebbe. D’altra parte nei giorni di punta in Val Ferret arrivano anche 4000 turisti, ha spiegato invece il sindaco di Courmayeur, e portarli avanti e indietro con gli autobus ha un impatto ambientale e logistico anche peggiore.

SEGUI TUTTE LE NEWS SU TELEGRAM

Skyway Monte bianco apre il 24 maggio, ad agosto corse fino al tramonto

Skyway Monte Bianco riapre. La spettacolare funivia tornerà a portare alpinisti e turisti in quota a partire dal 24 maggio. E c’è una novità per l’estate 2021, ad agosto Skyway sarà aperta fino al tramonto, offrendo un punto di vista privilegiato per ammirare il sole che cala dietro le montagne. In più per venire incontro alle esigenze in continuo mutamento Skyway ha pensato anche di mettere in vendita un biglietto rimborsabile.
“Sono passati mesi incerti, con la perenne sensazione di essere fuori posto, lontani dai nostri cieli. Ma sappiamo guardare in alto e, quando serve, sappiamo anche sognare. Quante volte in questi ultimi mesi c’è venuta voglia di metterci in punta di piedi, aprire le braccia, chiudere gli occhi e volare, guardando il mondo dall’alto… “
Per chi ancora non la conoscesse, Skyway Monte Bianco consiste in due funivie con cabine panoramiche rotanti che collegno Courmayeur , a 1.300 metri di quota con Pavillon du Mont Fréty (2.200 metri) e quindi con Punta Helbronner (3.466 metri). Alla stazione intermedia è presente un ristorante oltre a vari spazi espositivi, sala cinema per riunioni ed appuntamenti, una sala adibita a un esperimento di vinificazione in quota e, appena fuori dalla struttura, un ampio giardino botanico di essenze alpine.

Skyway un ultimo passo verso il cielo

Altra novità dell’estate 2021 è sulla terrazza di Punta Helbronner, a 3466 metri, da dove si gode di una vista unica sul Monte Bianco e sui suoi ghiacciai. Quest’anno è stata installata una nuova nuova struttura che permette di fare un “ultimo passo verso il cielo”, ovvero salire di un ulteriore metro per godere di una vista ancora migliore.

Ovviamente bisognerà rispettare alcune regole anti Covid che Skyway ha definito in nove punti.

  1.  Non si usa l’impianto se si hanno sintomi di infezioni respiratorie acute o se, la temperatura corporea risulta superiore a 37,5°
  2. Si acquista il biglietto online per la risalita sul sito www.montebianco.com
  3. Si effettua la prenotazione obbligatoria dell’ascesa nel momento dell’acquisto o fino a un’ora prima della visita. Qui le prenotazioni
  4. Si effettua la prenotazione obbligatoria del pranzo entro la mezzanotte del giorno precedente quello della visita.(vedi link sopra)
  5. Ci si presenta 15 minuti prima della salita con il biglietto online (suggeriamo di non stamparlo per una maggior attenzione all’ambiente) e rispetta l’orario della discesa da Punta Helbronner.
  6. Si porta con sé una mascherina chirurgica di protezione e la si indossa su naso e bocca per tutta la durata dell’esperienza Skyway Monte Bianco.
  7. Si segue la segnaletica e i percorsi indicati nelle stazioni mantenendo sempre la distanza interpersonale di un metro
  8. Si igienizza le mani con frequenza.
  9. Si utilizza il proprio smartphone personale per accedere tramite qr al menù del ristorante o ad altre informazioni.

Orari di apertura Skyway estate 2021

Dal 24 maggio all’11 giugno: 8.30 – 15.30. Corse ogni 15 minuti solo su prenotazione.
(Seguiranno aggiornamenti dall’11 giugno in poi)

COURMAYEUR – I ghiacciai della Val Ferret devono essere monitorati, aperti un tavolo di gestione

Venerdì 16 aprile è stato istituito un Tavolo di lavoro sulla gestione delle situazioni di rischio glaciale nella Val Ferret cui partecipa il comune di Courmayeur e la Fondazione Montagna sicura. 

Carlo Marzi, assessore regionale del territorio ha spiegato come con l’arrivo della bella stagione di debba fare un punto sullo stato dei ghiacciai della Val Ferret, in particolare sui ghiacciai di Planpincieux e delle Grandes Jorasses “sorvegliati speciali per il loro comportamento in relazione agli effetti dei cambiamenti climatici in alta montagna che può interferire in particolare con le attività del fondovalle della Valle Ferret”.

Questi apparati glaciali sono già monitorati con attenzione dai tecnici della Regione Valle d’Aosta e della Fondazione Montagna Sicura che ne valuta l’evoluzione e le eventuali misure per mantenere in sicurezza l’area.

Skyway, 1 milione di utile (2019-2020) nonostante il Covid

Skyway, la Funivia del Monte Bianco, che da Courmayeur porta fino a Punta Helbronner, ha fatto segnare ottimi risultati nel bilancio 2019-2020.

Nonostante Skyway sia stata chiusa per tre mesi e le varie restrizioni legate all’epidemia di Coronavirus, nel bilancio di esercizio che va da novembre 2019 a ottobre 2020 approvato dall’assemblea dei soci si legge 1 milione di utile.
Nell’occasione dell’approvazione del bilancio è stato anche rinnovato il Cda ora formato da 5 persone: con Federica Bieller come presidente.