VAL DI SUSA – La popolazione di stambecchi è arrivata a 870 esemplari (erano scomparsi)

La popolazione di stambecchi in Val di Susa è arrivata a contare 870 esemplari. E’ questo quanto emerge da un recente censimento organizzato e svolto dal CA TO2 con il supporto dell’Università di Torino attraverso il prof. Luca Rossi.

L’indagine ha censito il numero di stambecchi presenti sulla sinistra orografica dell’Alta Valle Susa e sulla destra orografica della Val Cenischia, da Bardonecchia al Moncenisio.

Gli stambecchi contati sono quindi 870, un numero particolarmente elevato se si pensa che solo pochi anni fa questi animali erano scomparsi dalla Val di Susa. La popolazione attuale, fra le 10 più numerose dell’intero arco alpino, seconda solo alle Valli di Lanzo per quanto riguarda i territoriale non sono in aree protette, è il frutto di un ripopolamento avvenuto negli anni ’90 con esemplari (una quarantina) prelevati proprio nelle Valli di Lanzo.

SEGUI TUTTE LE NEWS SU TELEGRAM

Parco Nazionale del Gran Paradiso, quest’estate 183 escursioni gratuite con le guide

Il Parco Nazionale del Gran Paradiso, tra Valle d’Aosta e Piemonte, è il primo parco ad essere stato istituito nel 1922 e per quest’anno offrirà ben 183 escursioni grautite.

Le guide del Parco, vi accompagneranno alla scoperta di questa vasta zona protetta che ospita la più importante popolazione italiana di stambecchi (simbolo dell’area protetta).

Le escursioni sono gratuite ma bisogna prenotarsi qui per uno degli appuntamenti che inizieranno a luglio e si concluderanno a settembre.

Ovviamente saranno scrupolosamente osservate le misure di sicurezza pensate dalla Federazione Italiana dei Parchi, saranno quindi accettati gruppi di massimo 12 persone, ognuno dovrà essere dotato di mascherina, bisognerà mantenere il distanziamento necessario e verrà provata la febbre a inizio escursione.

Ci saranno anche appuntamenti a tema storico in occasione dei 200 anni di Vittorio Emanuele II, che qui aveva la sua riserva di caccia e il cui nipote, Vittorio Emanuele III, donò il territorio al demanio a patto che ne facesse un’area protetta.