Bonatti e Messner, fratelli si diventa, appuntamento a Sirtori il 18 giugno

Walter Bonatti e Reinhold Messner, fratelli si diventa.

Un grande appuntamento per gli appassionati di alpinismo e di montagna si terrà il 18 giugno 2022 a Sirtori (Lecco), presso il negozio Df Sport Specialist.

Reinhold Messner sarà sul palco allestito all’esterno del punto vendita del noto store di articoli sportivi (che per l’occasione sarà aperto fino alle 22).

Il “re degli 8000” renderà così omaggio a Walter Bonatti a poco più di 10 anni dalla sua morte (avvenuta il 13 settembre del 2021).
Nel film “Fratelli si diventa. Omaggio a Walter Bonatti, l’uomo del Monte Bianco”  i primi due Piolet d’Or alla Carriera, Reinhold Messner e Walter Bonatti, confrontarono le loro “carriere” e la loro visione della montagna, scoprendo che in fondo non erano che  “fratelli”. E pensare che si conobbero solo nel 2004 mentre prima non si erano mai incrociati, anzi avevano avuto qualche battibecco a distanza.

Per partecipare alla serata che inizierà alle 20.30 bisogna prenotarsi qui .

 

Reinhold Messner a Bergamo il 19 giugno per una serata evento

La serata è stata annullata a causa del guasto al sistema di condizionamento del Pala Creberg (aggiornamento del 2 giugno)

Appuntamento a Bergamo il 19 giugno con Reinhold Messner. “Nanga Parbat, la mia montagna del destino” è il titolo della serata evento che avrà come protagonista il “re degli 8000” e che si terrà presso il Pala Creberg (Il biglietto per la serata costa 18 euro).

Si tratta di un’occasione imperdibile per ascoltare Reinhold Messner che nel 1970, a 25 anni, raggiungeva la cima del suo primo Ottomila, il Nanga Parbat. Come sappiamo quell’impresa costò carissima all’alpinista che perse il fratello  Günther nella discesa.

Negli anni successivi Messner scalerà tutti i 14 8000 senza l’aiuto di ossigeno e diventerà un’icona internazionale dell’alpinismo, non solo per le sue gesta sportive ma anche per le azioni umanitarie e culturali. Pensiamo alle quattro scuole per i bambini e i ragazzi delle vallate ai piedi del Nanga Parbat, e ai Messner Museum che valorizzano e raccontano la montagna e l’Himalaya.

Era la terza salita della grande montagna del Pakistan e i due alpinisti altoatesini erano riusciti ad aprire una via sulla fin lì inviolata parete Rupal, la più alta della Terra con i suoi 4500 metri di dislivello.

 

Messner a Bergamo il 19 giugno. Nanga Parbat, la mia montagna del destino

La serata è stata annullata a causa del guasto al sistema di condizionamento del Pala Creberg (aggiornamento del 2 giugno)

Reinhold Messner sarà a Bergamo il 19 giugno 2022. Il “degli 8000” sarà al Palacreberg su iniziativa dell’Associazione Montagna Italia che festeggia il 25 esimo anniversario. Nanga Parbat, la mia montagna del destino è il titolo dell’evento.

52 anni fa Messner messner raggiungeva la cima del Nanga Parbat. Aveva 25 anni ed era il suo primo 8000. In compagnia del fratello Guenther era riuscito ad aprire una via inedita sulla parete Rupal, la più alta del mondo con 4500 metri di dislivello.

Come tutti sanno durante la discesa dalla vetta del Nanga Parbat, raggiunta il 27 giugno, Guenther Messner perse la vita mentre Reinhold riuscì a trarsi in salvo. Gli furono parzialmente amputate 7 dita dei piedi. Da quel giorno Messner si dedicò all’ascesa delle più importanti montagne della terra e nel 1978, tornò sul Nanga Parbat aprendo la via sul versante Diamir, in solitaria.

Diventò poi il “re degli 8000”: fu il primo a scalare le 14 montagne più alte del mondo, tutte conquistate senza ossigeno (era stato in precedenza il primo a salire l’Everest senza bombole).

Tornando l’appuntamento del 19 giugno, si tratta di una serata a pagamento, i biglietti possono essere acquistati qui.

SEGUICI SU INSTAGRAM

SEGUI TUTTE LE NEWS SU TELEGRAM

Reinhold Messner si è sposato a 77 anni (per la terza volta)

Reinhold Messner si è sposato per la terza volta. Il “re degli 8000” ha detto sì a Diane Schumacher, 35 anni più giovane.
“È un evento che riguarda noi due e non il resto del mondo – ha spiegato Messner – Siamo molto felici, altrimenti non ci sposeremmo”.
Per Messner è il terzo matrimonio, dopo quello con Uschi Demeter, del 1972, durato 5 anni e poi quello con Sabine Stehle, avvenuto nel 2019 dopo anni di convivenza e 3 figli e finito nel 2019.

“In certi momenti penso al fatto che non potremo invecchiare insieme, il che ovviamente mi rattrista – ha spiegato Messner al Corriere della Sera – Però questa certezza permette a entrambi di avere un rapporto stretto, intenso e rispettoso”,

Le pubblicazioni sono state affisse nel Comune di Castelbello-Ciardes, in Val Venosta. I due hanno fondato insieme The Messner Mountain Heritage, sodalizio che sta organizzando l’ ultimo tour mondiale di Reinhold Messner in cui parlerà al mondo spiegando che cosa è l’alpinismo tradizionale. La fondazione sosterrà anche i musei della montagna in giro per il mondo.