Respirart: l’arte della Val di Fiemme sui palazzi a Bolzano fino al 2 giugno, fotogallery

Eugenio Del Pero Respirart

Dal 21 maggio al 2 giugno passeggiando per le vie di Bolzano si potranno ammirare 12 opere d’arte contemporanea che rappresentano la natura che “dialoga” con la città.

La natura è quella della Val di Fiemme, dove Respirart, il parco d’arte più alto d’Italia, prende forma con una serie di installazioni lungo la pista Agnello di Pampeago.

“È primavera. Il parco d’arte RespirArt scende dalle vette della Val di Fiemme, scivola lungo la Val D’Ega e affonda le sue radici a Bolzano, per inerpicarsi sui palazzi.”

Le 12 installazioni d’arte a Bolzano segnano un percorso che parte da piazza Walther e arriva fino al teatro Cristallo. RespirArt è un progetto di Marco Nones e di Beatrice Calamari, e prende vita grazie alle opere di Alessandra Bruno, Sergio Camin, Hannes Egger, Patrizia Giambi, Christoph Hinterhuber, Hubert Kostner, Jan Langer, Gabriele Meneguzzi e Vincenzo Sponga, Karin van der Molen, Thorsten Schütt, Elio Vanzo oltre allo stesso Nones.

“Le dodici opere utilizzano materiali presi in natura e di recupero, ne sconvolgono le forme, esaltandone la forza narrativa e rispettando le architetture che le ospitano, quasi a completare un racconto preesistente”.

foto di Eugenio Del Pero