LECCO – Saranno pronte per ottobre le ferrate Gamma 1, 2 e Corno del Medale

Le ferrate Gamma 1 e Gamma 2  e la ferrata Corno del Medale, a Lecco, riapriranno a ottobre o comunque entro la fine dell’anno.

Le ferrate in questione, grandi classici dell’aplinismo lecchese e molto frequentate vista la vicinanza alla brianza e al milanese, sono chiuse ormai da qualche mese ma i fondi per ripristinarli sono già stati stanziati e i lavori dovrebbero iniziare in questi giorni.

La ferrata Gamma 1 si trova sul Pizzo d’Erna, la Gamma 2 sul Resegone e il Corno del Medale sul monte San Martino.

I lavori consisteranno nell’istallazione di una linea vita di sicurezza in aggiunta alla linea di progressione. Oltre a questo saranno controllate e implementate varie sicurezze con la sostituzione delle attrezzature obsolete (atene, staffe, ponti aerei, chiodi, etc.) lungo le vie, saranno effettuati lavori di disgaggio e consolidamento.

Le vie faranno saranno poi meglio segnalate con cartelli e pannelli aggiornati e rivisti con le informazioni utili e le norme comportamentali.

 “Le ferrate, rese celebri da alpinisti come Bonatti e Mauri, fanno del Lecchese. Uno dei territori più attrattivi  capaci di richiamare centinaia di appassionati di arrampicata e trekking di montagna – ha commentato Massimo Sertori, assessore a Enti locali e Montagna di Regione Lombardia – E, in generale, di sport outdoor. Grazie anche a panorami di un fascino incredibile. Gli interventi di riqualificazione per le arrampicate Gamma – continua Sertori – fanno parte del progetto ‘Falesie di Lombardia’, ora anche ‘Ferrate di Lombardia’. Interventi che prevedono lavori con soluzioni moderne e uniche nel loro genere. Inizieranno prima di giugno per permettere la riapertura ai fruitori dal mese di ottobre”.

Il finanziamento per il ripristino delle vie ferrate del lecchese si inserisce in un più ampio progetto di sostegno della montagna lombarda.

Queste misure “hanno interessato e interesseranno anche la migliore fruibilità di rifugi, bivacchi, sentieri, piste di sci e impianti di risalita. Un complesso di interventi che permetterà di incrementare l’attrattività delle falesie lecchesi e, più in generale, dell’offerta lombarda, anche a livello internazionale – ha spiegato Antonio Rossi, Antonio Rossi, sottosegretario regionale allo Sport alle Olimpiadi 2026 e ai Grandi eventi sportivi – L’intervento si inserisce  nel quadro di un piano più ampio di rilancio. Che punta all’offerta di valorizzazione delle pareti rocciose lecchesi. Piano sottoscritto da Regione Lombardia nel 2015. Accordo per il quale sono già stati effettuati lavori di riqualificazione e messa in sicurezza su 8 falesie di arrampicata nei territori delle Comunità Montane Lario Orientale e Valsassina e del Comune di Lecco”.

Regione Lombardia mette per questo intervento 150.000 euro, 50.000 arrivano dal Comune di Lecco e altri 100.000 dalla Fondazione comunitaria del Lecchese Onlus. Negli scorsi anni tra lecchese e comasco sono state messe a posto altre 8 vie ferrate per 450.000 euro complessivi di spesa, 400.000 dei quali sostenuti dalla Regione.

Nei lavori per la sistemazione delle ferrate Gamma e Medale sono coinvolti la  segreteria tecnica la Fondazione Comunitaria del Lecchese Onlus, l’Associazione Gruppo Alpinistico Gamma di Lecco ed il Gruppo Alpini Monte Medale.

SEGUI TUTTE LE NEWS SU TELEGRAM